Home Suin Home

Il Panatela

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Scritto da Marco Lungo Lunedì 05 Ottobre 2009 11:41

Ormai non c'è più, eppure aveva tutti i motivi per continuare ad esserci, apparentemente.

La location, era perfetta: Via della Cancelleria, al 52 mi pare, qui a Roma. Praticamente, quasi all'angolo con Campo De' Fiori (che, oltre ad essere il motivo per cui mangiano i florovivaisti, è anche una piazza).

L'idea, unica: oltre 100 panini, una scelta incredibile, con degli assoluti Must Eat.

Birra, buona scelta e con molte anticipazioni. E' l'ultimo posto dove ho trovato la Caesarus alla spina in coccio. Chi l'ha bevuta, sa di cosa parlo.... 

E poi, le tovagliette che riprendevano la copertina di un famoso disco di Crosby, Still, Nash & Young con, al posto delle facce originali, quelle dei ragazzi fondatori di quel posto.

Leggi tutto: Il Panatela

 

Foto all'orientale

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Lunedì 05 Ottobre 2009 20:58 Scritto da Domenico Domenica 04 Ottobre 2009 16:03

Con il mio amico vietnamita c’eravamo parlati per telefono, forse scambiati un paio di lettere. Non era ancora mia amico, era amico di amici, ma mi disse che per l’aiuto che gli avevo chiesto, non avrei dovuto dargli alcun compenso.

Solo pochi giorni che partissi per Hanoi, mi fece sapere che sarebbe stato contento se gli avessi procurato dei dischi freno per sostituire quelli, ormai andati, della sua Peugeot 309.

Fu così che nel 1998 viaggiai dall’Italia al Vietnam, passando per Francia e Thailandia, con quanto di più simile ad una mina anticarro esista sulla faccia della terra: i dischi freno della Peugeot 309.

Leggi tutto: Foto all'orientale

 

sciuttabottija.

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Lunedì 05 Ottobre 2009 20:59 Scritto da ciro9999 Sabato 03 Ottobre 2009 21:17

Quando ancora esisteva l'industria, pesante si diceva, a Terni non c'era famiglia che non avesse qualcuno a lavorare alle acciaierie.
Anche se entravi in una casa ad un orario cristiano subito partiva l'ammonizione "fate piano che zio (o chiunque altro fosse) ha fatto la notte e dorme".
Altro richiamo, per me lugubre, a questa realtà lavorativa era la sirena che chiamava gli operai al lavoro un po' prima dell'inizio del turno (06-14, 14-22, 22-06).

Leggi tutto: sciuttabottija.

   

Tognazzi, il Rigettario e la cucina anni 70....

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Lunedì 28 Settembre 2009 18:30 Scritto da albi Lunedì 28 Settembre 2009 15:32

Da quando esiste l’Italia esistono le baruffe.
Quelle culinarie sono relativamente recenti.
Negli anni 70 bere & mangiare attiravano poche persone, salpava Capitan Findus nocchiero del surgelato, mentre Veronelli e Soldati iniziavano la loro opera di indagine e divulgazione sul nostro patrimonio eno-gastronomico, provocando ovviamente i primi diverbi su chi cosa come quando bere-mangiare.
Tognazzi si inserì alla grande nel dibattito, scrivendo il suo Rigettario, pubblicato nel 1978.
Nell’introduzione spiega che rigetta tutto quanto è convenzionale, codificato, prestabilito.

Leggi tutto: Tognazzi, il Rigettario e la cucina anni 70....

 

la porta della Grecia

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Ultimo aggiornamento Venerdì 25 Settembre 2009 15:09 Scritto da ciro9999 Venerdì 25 Settembre 2009 11:40

 

 

 

Patras per me è quasi sempre la porta della Grecia, quindi della mia pace privata.

Questo effetto rilassante deve essere una somma del normale effetto vacanza con la tranquillità della gente e dei posti dove vado rigorosamente fuori stagione.

All'andata manco mi fermo un secondo. Non vedo l'ora di mettermi per strada e godermi l'hog sulle stradine greche dopo la noia del tratto autostradale Roma Brindisi.

Quando torno l'eccitazione ha lasciato il posto allo scoramento di dover ricominciare la rottura quotidiana.

Spesso però c'è un po' di tempo per una sosta obbligatoria.

Leggi tutto: la porta della Grecia

   

Pagina 4 di 8